Andrea Ferrari

Andrea Ferrari progettista interni ed esterni, Fratelli Pellizzari

RUOLO: interior designer e venditore
AMBITI: Pavimenti interni ed esterni, Bagni, Arredo
SEDE: Gambellara

ANNO DI ARRUOLAMENTO: 1998
MOTTO: Siamo tutti apprendisti in un mestiere dove non si diventa mai maestri.

 

 

 

Andrea Ferrari

Chi è Andrea?

 
Più di 20 anni in Pellizzari!

Andrea, nato a Cologna Veneta (Verona) il 29 novembre 1980, ma acquisito ad oggi dalla provincia vicentina, è uno dei nostri venditori e progettisti Senior! Ormai è da più di vent'anni che lavora alla Fratelli Pellizzari e rappresenta una colonna portante per questa azienda.

 

Una calda estate in magazzino...

Arriva un giorno nell'estate del 1997 in motorino alla ricerca di un lavoretto estivo, per guadagnarsi qualcosina e fare esperienza nel campo prima di tornare a scuola e diventare geometra. Il suo atteggiamento umile e rispettoso, unito alla sua gran voglia di fare e conoscere hanno convinto quell'anno Michele Pellizzari a farlo lavorare, sotto l'ala di Sergio Girardi, nel magazzino edile, dove apprende molto su piastrelle, collanti, prodotti per l'edilizia ed entra in contatto con posatori, artigiani e muratori. 

 

... e il sogno di fare l'arredatore da grande

Ad Andrea si accende una fiammella e, alla chiusura di quell'estate, chiede a Michele di rimanere e di poter crescere all'interno dello showroom. Convinto dalla sua voglia di imparare e crescere, lo affianca ai venditori esperti presenti in negozio allora. Così Andrea apprende, mese dopo mese, il lavoro di venditore e, alla fine, lo diventa lui stesso.

 

Studio e lavoro

Nel mentre che lavora, porta avanti i suoi studi di interior design diplomandosi all'Istituto ISAI di Vicenza. Andrea è rimasto negli anni in continuo movimento, sempre alla ricerca di sapere e con la stessa voglia di fare di quando è arrivato appena ragazzo. 

 

Il team di Andrea

Oggi lui, insieme alla collega Yasmine Benetti, ha formato un team che si occupa di realizzare abitazioni complete: pavimenti e rivestimenti interni, pavimentazione di esterni e progettazione del giardino, così come piscine, arredamento per interni, il bagno e il l'arredobagnosoggiornocucinecamera da lettoilluminazione e tutto quello che può venirti in mente quando pensi ad una casa!

 

Andrea Ferrari

 

Intervista ad Andrea

 

Andrea, ti piace il lavoro che fai?

Caspita, questa è la domanda della vita! Della mia vita!
È uno spettacolo poter mettere le persone in condizione di vedere i propri sogni avverarsi. Affiancarli in quella avventura che è la costruzione di una casa. Io amo progettare e mi entusiasma vedere una casa trasformarsi. Certo, ci sono anche le brutte giornate, i problemi che nei cantieri non mancano mai;  i clienti impossibili; o magari la sfortuna che si accanisce.
Credo, però, che la soluzione sia metterci amore ed impegno, anche nella risoluzione dei problemi.

 

Credi che per il tuo lavoro serva più talento o più impegno?

Credo che ognuno di noi abbia dei talenti ma bisogna comunque impegnarsi, aggiornarsi, studiare. Il talento, altrimenti, si spegne. Io la penso così. Ho studiato, molto, per imparare quello che so e continuo a studiare, leggere, partecipo volentieri alle fiere e faccio "gite di architettura" per imparare dai grandi maestri.  Insomma è una formazione costante che dura tutta la vita.
Ma tutto questo ancora non basta, però, perchè nel nostro lavoro è molto importante ascoltare e rispettare i clienti.

 

Che cosa intendi per "rispettare i clienti"?

Significa molte cose: intanto che non bisogna per forza vendergli cose costose o su cui l'azienda guadagna ma occorre identificare quello che DAVVERO serve al cliente. Inoltre bisogna guidarlo, aiutarlo a comprendere quello di cui davvero ha bisogno in modo che possa godere del suo acquisto per molti anni e farmi una buona pubblicità. La realtà è molto diversa da quella che qualcuno immagina. Si pensa che per fare questo lavoro sia sufficiente avere una buona parlantina e una capacità di saper persuadere una persona, ma ci dimentichiamo che un pavimento rimane a casa del cliente per decenni e se è un acquisto "sbagliato", ogni santo giorno lui maledirà il venditore-imbonitore che l'ha "intortato".

 

Insomma serve talento, serve studio e bisogna avere a cuore i clienti

Esatto. E ancora non basta. Occorre essere felici, sorridenti, anche nei giorni peggiori, perchè quando un cliente viene in negozio ci dedica tempo prezioso e sta vivendo una avventura - fare casa - che è stressante, spesso nuova, fonte di ansia e aspettative deluse. Non possiamo certo diventare anche noi fonte di stress per lui. 

 

Stai dipingendo il tuo lavoro quasi come una missione...

Beh, sinceramente credo che un po' lo sia. Se riesco a sostituire, in un progetto, un prodotto "usa e getta" con un prodotto di qualità e durevole, facciamo un favore anche all'ambiente. Purtroppo qualcuno pensa che noi siamo dei "venditori" ed usa questo termine in modo spregiativo, come se fossimo tutti degli abili manipolatori. In realtà spesso evitiamo gravi errori ai clienti e regaliamo loro soluzioni, idee e progetti che migliorano la loro casa.

 

Quanto è importante "continuare a studiare" nel tuo lavoro?

Ho sempre pensato che tenermi aggiornato e preparato sia importante per me, per quelli che lavorano per me e, soprattutto, per i miei clienti. Per un consulente/interior designer la formazione è basilare, solo con quella possiamo sviluppare i nostri talenti.
Solo studiando a lungo, costantemente e a fondo diventiamo padroni della nostra professione, possiamo esercitarla con successo e mantenere ad alto livello la nostra preparazione.

 

Ti ritieni un bravo venditore?

Non proprio, credo di non essere bravo a vendere qualcosa, ma di essere bravo ad aiutare i clienti a comperare. Mi spiego meglio: l'obiettivo finale, per me, non è la vendita, ma aver costruito, con il cliente, una relazione. Magari la famiglia che ho davanti non diventerà nostra cliente perchè non ha la disponibilità economica o perchè sceglie di rimandare la ristrutturazione della casa o del bagno, ma, secondo me, è importante che porti con sé un buon ricordo di me, che ne parli con le persone che conosce e che frequenta. Questo accade se si è trovata bene con me. Infatti moltissimi clienti mi arrivano con il passaparola.

 

Come riesci a far parlare bene di te i tuoi clienti?

I clienti credo apprezzino il fatto che io sono sinceramente interessato al cliente, alle sue esigenze. Non basta essere un bravo interior designer, non basta nemmeno essere preparato e formato. Bisogna avere a cuore il cliente, fare nostri i suoi problemi e le sue richieste. Questo significa anche lavorare duro per dare il meglio.

 

 

I colleghi dicono di Andrea

 
Andrea ed il lavoro in team

Negli anni Andrea conquista un suo spazio alla Pellizzari, ma con l'aumentare delle richieste ed ampliando la gamma di prodotti trattati c'è la necessità di poter collaborare con altri colleghi. Andrea ne parla con Michele e decidono di assumere una persona con il ruolo di renderista in affiancamento. Questa soluzione permette ad Andrea di avere più tempo da dedicare al cantiere e, nel lungo termine, si dimostrerà una scelta corretta.

 

Vantaggi e svantaggi

Lavorare in team non è come lavorare da soli. Andrea racconta che nel tempo ha collaborato con persone diverse, alcune delle quali dopo mesi e mesi di formazione hanno, poi, fatto altre scelte lavorative. 
Cambiare collaboratore non è facile: “era un po' come cambiare casa, ricominciavo tutto da capo ogni volta che la persona cambiava. Dovevo trovare il giusto feeling, ricreare una partnership, capire se le nostre personalità potevano incontrarsi o erano destinate a non funzionare insieme”. Insomma costruire una squadra e mantenerla nel tempo non è affatto facile.

 

Il team GAVY

Oggi il team in cui lavora (non gli piace se lo definiamo "suo": lui ne fa parte, come in una squadra, in cui tutti hanno l'obiettivo di far bene ed ognuno ha il suo ruolo) conta ben quattro figure tra interior designer, progettisti e renderisti: Andrea, Yasmine Benetti, Vanessa Zanetti, Giada Rossi
Per lui questo team ormai consolidato rappresenta una seconda famiglia“Alla fine è un rapporto, no? È come essere una coppia, solo che siamo una coppia allargata, una famiglia moderna insomma. Per noi è importante la trasparenza e la chiarezza, condividiamo tutto, le giornate, i problemi, le gioie. E come una famiglia cerchiamo di non lasciare nessuno indietro e di mettere tutti al passo verso l'obiettivo”.

 

I biscotti del team GAVY

Tutti in Pellizzari sappiamo che nel team GAVY i biscotti non mancano mai (in caso di cali di zuccheri sappiamo dove fare rifornimento...).
Questo perchè non è raro vedere Andrea lavorare con la sua squadra lavorare oltre l'orario di chiusura, sia a mezzogiorno, sia a tarda sera. E quando accade c'è bisogno di dolcetti, biscotti o pasticcini, che raramente mancano. 
La passione per il lavoro del team è tale per cui sono riusciti a far diventare il loro posto di lavoro una seconda casa dove le idee vengono continuamente scambiate in un flusso creativo senza fine, nato dal bisogno di creare soluzioni sempre nuove e innovative per accontentare le richieste dei clienti, creare soluzioni su misura e che rispettino le personalità del singolo. Non penso ci siano persone più adatte dei membri della squadra a descrivere chi è e come lavora Andrea:

 

 

Andrea FerrariAndrea FerrariAndrea Ferrari  Andrea Ferrari

 

Il suo stile: la casa che emoziona 

 
La casa secondo Andrea

Per lui la casa non è solo quattro mura da riempire. Tutti alla Fratelli Pellizzari gli riconoscono un approccio emozionale e creativo, sensibile e innovativo. Casa è un concetto che cambia da persona a persona e in Andrea molti clienti trovano la sensibilità e l'ascolto attento per capire qual è l'idea di "casa" che il cliente sogna. 

 

Uno stile per ogni cliente

Una delle doti di Andrea, che i clienti possono facilmente riscontrare, è la capacità di adattare in maniera molto personale la progettazione al singolo: “Ci sono persone che leggono la casa in maniera più fredda, altri che arrivano in coppia tenendosi per mano e vedono la casa come un nido caloroso. In base alla persona, alla loro età, al loro stile di vita, valutiamo una progettazione diversa. Non diamo soluzioni standard, ma qualcosa che li sappia stupire e anche capire profondamente.

 

La ricerca del progetto "unico"

Così, mantenendo uno stile moderno, Andrea cerca di progettare abitazioni su misura, come un sarto farebbe con un abito per un grande evento. Non vi proporrà soluzioni viste e riviste, il suo obiettivo è tutt'altro: “Per me il design è arrivare a delle soluzioni a cui la gente, che si occupa di altro e lavora in altri ambiti, pur mettendosi a ragionare sulla casa che vorrebbero, non arriverebbero a produrre le progettazioni che coltiviamo noi come squadra”. Stupire e creare qualcosa di unico, questo è lo spirito che troviamo nei suoi lavori.

 

Ascolto e ricerca

Ma per stupire è necessario per lui prima conoscere molto bene chi ha davanti e capire quali sono le sue ambizioni, cosa vuole per casa sua e spesso, parlando della casa che deve progettare, coglie dei bisogni e delle volontà che nemmeno il cliente sapeva di avere. Starà poi sveglio notte e giorno alla ricerca dell'idea perfetta, come lui fa sapere: “ci sono progetti così particolari che mi tengono sveglio di notte ad immaginare e, quando arriva la giusta idea, devo catapultarmi a disegnarla su carta per non perderla di vista”.

 

Il portfolio progetti di Andrea

Particolarmente talentuoso nella progettazione di pavimenti esterni, lo trovi preparato e ferrato su tutti i tipi di pavimentazione e rivestimenti, oltreché sulla progettazione di ogni ambiente della casa.

Ti lascio qui di seguito il portfolio progetti nato in collaborazione con il suo braccio destro, Yasmine, dove potrai trovare render di ambienti differenti: 

Lasciati ispirare dal tocco personale di Andrea e scopri i suoi progetti 

PROGETTI CASA: 
LO STILE DI ANDREA
E YASMINE

La realizzazione: soddisfatto della meta raggiunta?

 
Fare Kaizen divertendosi

Per Andrea ed il suo team la meta non arriva mai: c'è sempre qualcosa di nuovo da fare, da imparare, rivedere e fare meglio. Ha sposato appieno la filosofia giapponese del kaizen, cioè del miglioramento continuo. Ma sa anche trovare il momento di gioire e provare soddisfazione quando una realizzazione viene conclusa. L'idea elaborata dopo settimane di lavoro in team e mesi di cantieri arriva finalmente nella realtà concreta e ci si può meravigliare insieme. La famiglia vive finalmente il suo sogno e può godersi il nuovo spazio. Allo stesso tempo, questo è un momento adatto per tirare le somme, per continuare a migliorarsi e mai fossilizzarsi su un successo temporaneo: le mode cambiando, le persone anche.

Nonostante il continuo ricambio, i nuovi progetti e i nuovi clienti, queste sono alcune delle sue realizzazioni che lo rendono particolarmente fiero e che possono farti capire cosa lui fa per i clienti che si affidano a lui. Dietro ogni progetto concluso c'è un storia che ti aspetta e che ti farà capire se le necessità dei clienti iniziali hanno trovato risoluzioni nelle mani della squadra.

CLICCA LA FOTO PER VEDERE MOLTO DI PIÙ E LEGGERE L'ARTICOLO DEDICATO ALLA REALIZZAZIONE Roberto Marin

 

Andrea Ferrari  Andrea Ferrari  
Andrea Ferrari  Andrea Ferrari  Andrea Ferrari
Andrea Ferrari  Andrea Ferrari  Andrea Ferrari
Andrea Ferrari  Andrea Ferrari

Vuoi contattare Andrea?

Se il suo stile ti piace e pensi che la tua casa (o la tua attività commerciale) abbia bisogno del tocco di Andrea, puoi contattarlo via mail: sarà felice di accompagnarti e consigliarti nel viaggio della realizzazione del tuo nuovo spazio. Che sia tutta la casa intera o grandi progetti la troverai nella sede di Gambellara insieme alla collega Yasmine Benetti.

Riceviamo la clientela su appuntamento, così da poter dedicare il giusto spazio ed attenzione a chiunque abbia bisogno. Avvisiamo previamente che lavoriamo nelle zone di Vicenza e Verona, mentre riusciamo a fornire i nostri materiali, di origine italiana e spesso artigianali, in tutto il resto del territorio italiano. 

 

NUMERO: 0444649038,415          EMAIL: [email protected]                                                                             J   

Tutti gli articoli di Andrea Ferrari